TERZO VALICO. IL TRENO PER IL FUTURO PRENDE FORMA

Lo stato di avanzamento degli interventi di viabilità sul territorio, l’aggiornamento sulle gare europee per i lavori di linea, l’impegno di Italferr nella direzione lavori, la rimodulazione del servizio infopoint per i cittadini: questi i temi condivisi mercoledì 15 novembre ad Alessandria nel corso della riunione del Commissario di governo per il Terzo Valico Iolanda Romano e dei sindaci degli 11 comuni attraversati dalla nuova linea ferroviaria.

«In questi ultimi mesi il Terzo Valico ha ripreso ad avanzare su tutti i fronti – ha sottolineato il Commissario Romano – grazie anche all’ottima collaborazione fra tutti gli attori, all’impegno di RFI nel trovare soluzioni condivise con i comuni per gli interventi sul territorio, alla celerità nell’istruzione dei nuovi bandi di gara, con il supporto dell’Anac nell’assicurarne la correttezza. Entro la prossima primavera la maggior parte dei lavori sulla viabilità saranno conclusi e riassegnati tutti i lotti dove vi era stata rescissione contrattuale».

Presenti al Tavolo anche l’Assessore regionale ai Trasporti Francesco Balocco, il nuovo Presidente della provincia di Alessandria Gianfranco Baldi, il Vice presidente Federico Riboldi e il Vicesindaco di Alessandria Davide Buzzi Langhi.  «Per la Regione Piemonte – ha dichiarato Balocco - il dialogo con il territorio è la priorità e quindi è da sottolineare che quanto si sta realizzando è concertato con le istituzioni locali. Risulta pertanto importante un incontro come quello odierno per un confronto con Cociv, RFI e Italferr che ha assunto la direzione lavori». «In questo primo incontro come Presidente della Provincia – ha sottolineato Baldi - ho avuto modo di approfondire diversi argomenti, sviscerare le problematiche e avere una maggiore contezza delle opportunità di sviluppo per il territorio connesse al Terzo Valico. Un’opera strategica a livello nazionale che deve portare importanti ricadute sul territorio provinciale che la ospita, cercando di mitigare al massimo i disagi che inevitabilmente porta».

Hanno inoltre partecipato, come ospiti invitati per questa occasione, l’amministratore straordinario di Cociv Marco Rettighieri e l’intera squadra della direzione lavori Italferr, venuta a presentarsi ai sindaci in quell’ottica di “prossimità” sul territorio inaugurata con lo spostamento dell’Osservatorio Ambientale ad Alessandria lo scorso settembre.

Particolarmente atteso l’aggiornamento da parte di Rettighieri sullo stato delle nuove gare europee. Ad oggi sono stati aggiudicati quattro lotti: Val Lemme (base d’asta € 263.491.400), Castagnola (base d’asta € 216.267.327), Cravasco (base d’asta € 251.288.180) e Valico/Radimero (base d’asta € 212.285.200), per un ammontare complessivo di € 943.332.107. Si prevede un avvio dei relativi lavori a partire da inizio 2018. Il bando Voltri/Polcevera (base d’asta circa € 380.000.000) è oggetto di uno specifico accordo con l’Anac di “vigilanza collaborativa” e verrà pubblicato entro novembre. La previsione è di completare l’iter degli affidamenti entro marzo 2018.

Per quanto riguarda i lavori di linea in corso, l’avanzamento dell’opera a fine ottobre è del 21,3 per cento. In particolare sono stati scavati quasi 12 km di gallerie con metodo tradizionale (pari al 22,5 per cento dei circa 53 km previsti con questa tecnica) e circa 4,7 km con scavo meccanizzato, cioè il 18 per cento dei 26,4 km previsti.

Il quadro sull’avanzamento dei lavori stradali e degli interventi previsti dagli accordi procedimentali è complessivamente positivo. Per quanto riguarda la viabilità, su un totale di 25 interventi puntuali 7 sono già conclusi, 12 sono in corso (di cui 3 termineranno entro gennaio, 8 entro aprile e 1 in agosto), mentre 6 sono ancora da cantierare.  I 25 interventi rientrano in cinque macro-ambiti:

  1. SP163 e SP7 della Castagnola: i lavori che interessano i comuni di Voltaggio e Fraconalto sono conclusi salvo il consolidamento della frana della Carbonasca, realizzato per il 50 per cento, che si concluderà nell’agosto 2018;
  2. SP160 della Val Lemme: alla conclusione di tutti i lavori manca il 10% dell’adeguamento del tratto Carrosio-Voltaggio, che sarà terminato entro aprile 2018;
  3. SP161 della Crenna: sono in corso con diversi gradi di avanzamento i lavori di adeguamento della provinciale (escluso il tratto in galleria) e della salita della Crenna per utilizzarla come bypass provvisorio, nonché la realizzazione della galleria artificiale lato Gavi. Una volta concluso il bypass si potrà deviare il traffico e iniziare i lavori nella galleria. La conclusione dell’intero intervento è prevista per marzo 2019;
  4. ex SS35, rotatorie Arquata/Serravalle e via del Vapore: una parte dei lavori, nel comune di Arquata, è già terminata (riqualifica via del Vapore e relative rotatorie, strade di collegamento cantieri Moriassi e Radimero, collegamento via di Moriassi/via del Vapore), mentre gli interventi a Serravalle sono in fase avanzata e si concluderanno fra dicembre 2017 e aprile 2018. Restano da cantierizzare, nel nuovo anno, gli ultimi interventi ad Arquata: la rotatoria via Roma/via della Fondega, il sottopasso ferroviario SP140 e la via di fuga tra l’ingresso campo base Cociv e la SP144;
  5. interventi ad Alessandria e Pozzolo: l’adeguamento della Strada Stortigliona ad Alessandria, in corso, si concluderà entro novembre 2017, mentre i lavori a Pozzolo per l’adeguamento di via Frascheta (mini-tangenziale), iniziati a luglio, si concluderanno ad aprile 2018. Attualmente vi è una temporanea sospensione per concludere le procedure di esproprio, ma i lavori riprenderanno a inizio gennaio.

Buone notizie anche per quanto riguarda alcuni degli interventi compensativi previsti dagli accordi procedimentali di Novi e Serravalle Scrivia: a Novi Ligure, per velocizzare la realizzazione della “tangenzialina”, dove il superamento della ferrovia prevedeva un sottopasso, grazie al lavoro congiunto fra RFI e comune si è verificata la fattibilità di sostituirlo con un cavalcaferrovia, mentre è andata a buon fine anche la richiesta del comune di rilocalizzare in piazza Pernigotti il parcheggio previsto originariamente in via Isola. A Serravalle Scrivia, invece, sono al 90% di avanzamento e si concluderanno entro novembre i lavori di bonifica amianto e demolizioni nell’area delle ex-distillerie Inga; è inoltre in corso la stesura della convenzione fra comune e RFI per affidare la progettazione del recupero urbano dell'area.

Daniele Scataglini, responsabile Area Gestione Commesse Nord-Progetti Av/Ac di Italferr, la società di ingegneria del Gruppo FS Italiane, ha quindi illustrato la squadra che da alcuni mesi ha assunto le funzioni di direzione lavori nella realizzazione del Terzo Valico sostituendo la precedente direzione lavori incaricata  dal general contractor: si tratta di un gruppo di composto da circa 50 persone e destinato a crescere man mano che opereranno a pieno regime tutti i cantieri. Attualmente la struttura è composta da un project manager, quattro assistenti project manager per gestire aspetti specifici, una task force di ingegneria per la verifica dei progetti, tre direzioni lavori per le opere civili, due direzioni lavori per seguire lavori più specificamente ferroviari e due direttori operativi, oltre a una struttura specifica per la supervisione del monitoraggio ambientale (che è responsabilità di Cociv) e al coordinamento delle direzioni lavori. Scataglini ha quindi presentato ai sindaci il project manager Cristiano Vercellone, il coordinatore dei direttori lavori Gianluca Morandini, il direttore lavori tronco Piemonte Pietro Murzi, il direttore lavori viabilità Alberto Piantanida, il direttore operativo tronco Piemonte Antonio Muraca.

Alberto Cena, dello staff del Commissario, ha poi presentato i risultati di un anno di attività del servizio infopoint. Da novembre 2016 a oggi tramite l’operatore infopoint sono state offerte 138 giornate di reperibilità telefonica dell’operatore, oltre che via email, 111 appuntamenti di sportello presso i vari municipi e oltre 40 presenze a riunioni con i residenti, sopralluoghi, tavoli ed eventi informativi. 150 le persone raggiunte direttamente e oltre 6mila attraverso la riproposizione delle risposte alle domande di interesse pubblico attraverso il sito web e la pagina facebook del Commissario. La maggior fruizione del servizio è come prevedibile avvenuta da parte dei comuni più impattati direttamente dai lavori (Fraconalto, Voltaggio, Pozzolo Formigaro, Arquata Scrivia, Novi Ligure, Serravalle) e molti dei quesiti sono stati presentati direttamente dalle amministrazioni comunali anche su sollecitazione di interrogazioni. Di conseguenza è stata concordata una parziale riorganizzazione del servizio, lasciando immutata la reperibilità telefonica ed email: sportello solo su appuntamento per Tortona, Gavi, Vignole Borbera, Carrosio e Alessandria; appuntamento mensile con i residenti di Fraconalto e Pozzolo limitrofi ai cantieri; modalità di incontro da definire insieme ai comuni per Serravalle, Arquata, Novi e Voltaggio; canale prioritario di risposta per i quesiti provenienti dalle amministrazioni; dal 2018 alcune visite in cantiere rivolte ai cittadini.

Ai presenti infine è stata distribuita copia del report conclusivo sulla Ciclocamminata nelle terre dei Giovi del 30 settembre e 1 ottobre, esperienza pilota di messa a rete delle risorse locali in un’ottica di promozione integrata del turismo nell’alessandrino. Iniziativa che rientra nelle attività per il Progetto condiviso di sviluppo. Il Commissario ha dato comunicazione che la prevista seduta del Cipe del 10 novembre per l’approvazione all’utilizzo dei 60 milioni di euro è stata rinviata a dicembre. I sindaci hanno espresso preoccupazione per lo slittamento della seduta e si sono impegnati a portare il tema dello sviluppo dell'alessandrino all'attenzione del Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, in visita nell'area il prossimo lunedì 20 novembre.

Il report della Ciclocamminata è scaricabile dal sito terzovalico.mit.gov.it. È questo il nuovo nome del sito del Commissario Terzo Valico, in un’ottica di più facile accessibilità sulla rete. Il nome precedente commissarioterzovalico.mit.gov.it resta comunque attivo e reindirizza al nuovo.