CONNETTERE L’ITALIA


Passare dalla stagione delle grandi opere a una nuova stagione di opere utili, per connettere l’Italia e far emergere il suo ruolo centrale per gli scambi da e per l’Europa. Questo l’obiettivo di Connettere l’Italia, il quadro strategico e programmatico del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, centrato su quattro strategie.
1. Infrastrutture utili, snelle e condivise. 

Il Terzo Valico si colloca all’interno di questa strategia, che ha l’obiettivo di migliorare la qualità delle nuove opere sia attraverso nuove regole, in buona parte già in vigore, per la pianificazione, programmazione, valutazione e progettazione delle infrastrutture, sia attraverso la revisione (cosiddetta project review) dei progetti particolarmente rilevanti sul piano finanziario.
2. Integrazione modale e intermodalità.

La modalità di trasporto ferroviaria (“cura del ferro”) e quella marittima (“cura dell’acqua”) sono ritenute prioritarie a scala sia nazionale che internazionale, come da indirizzi comunitari. Il riequilibrio a favore di queste modalità, più sostenibili rispetto al trasporto su gomma, è perseguito attraverso misure specifiche mirate a incrementare l’offerta e la qualità dei servizi.
3. Valorizzazione del patrimonio infrastrutturale esistente.

Questa strategia assegna priorità agli obiettivi di sicurezza, qualità ed e efficientamento delle infrastrutture. Ciò avviene assicurando continuità ai programmi di manutenzione e promuovendo l’utilizzo di tecnologie e sistemi innovativi che consentono incrementi di capacità, velocizzazione dei collegamenti esistenti, maggiore sicurezza e nuovi servizi.
4. Sviluppo urbano sostenibile.

I progetti integrati di mobilità urbana sostenibile rilanciano la centralità delle città metropolitane, dando continuità ai grandi investimenti avviati negli ultimi anni su infrastrutture e sistemi di trasporto rapido di massa. In coerenza con gli orientamenti comunitari in materia, vengono promossi l’intermodalità, i sistemi di controllo e informazione, la mobilità ciclo-pedonale e la sharing mobility (mobilità condivisa). 

Per saperne di più su Connettere l’Italia: