7 FEBBRAIO 2018: DIBATTITO PUBBLICO PER OPERE CONDIVISE

Il commissario di governo del Terzo Valico, nell'ambito dell'attività di comunicazione trasparente sui metodi partecipativi con cui accompagnare la realizzazione di opere pubbliche, ha promosso e coordinato - di concerto con LAPO, il Laboratorio di politiche del Dipartimento di Culture, politica e società dell'Università di Torino - un incontro il 7 febbraio 2018 sul tema "Il dibattito pubblico per opere condivise". 

Oltre 250 persone hanno preso parte alla giornata di confronto presso la Cavallerizza Reale di Torino, in occasione dell'imminente approvazione del decreto attuativo che introdurrà in Italia lo strumento del dibattito pubblico, innovando il modo con cui si realizzeranno le grandi infrastrutture. L'evento - inserito nell'ambito della Settimana dell'Amministrazione Aperta 2018 e di Connettere l'Italia - ha offerto un programma suddiviso tra plenarie e sessioni parallele di approfondimento con oltre 35 relatori, fra cui Ennio Cascetta, Ram e Anas, Jean-Michel Fourniau, GIS Democratie et Participation, Aldo Isi, Rete Ferroviaria Italiana, Andrea Mariotto, Iuav, Andrea Pillon, Avventura Urbana, Stefania Ravazzi, Università di Torino, Alberto Selleri, Autostrade per l'Italia, Marco Sisti, Ires Piemonte, Paolo Testa, Anci, Gustavo Zagrebelsky, Biennale Democrazia. In videoconferenza è inoltre intervenuto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. 

La mattinata si è aperta con un ricordo di Luigi Bobbio e del suo ruolo nello sviluppo della democrazia deliberativa in Italia. Si è entrati quindi nel merito del decreto attuativo del dibattito pubblico per proseguire poi con l'approfondimento della ventennale esperienza francese al riguardo e di alcuni casi pilota italiani. Nel pomeriggio, i partecipanti si sono distribuiti in tre sessioni parallele per analizzare i punti di vista di soggetti attuatori, studiosi e professionisti sulle opportunità e i rischi dell'attuazione della legge sul dibattito pubblico. Grazie all'utilizzo di un software dedicato e a operatori presenti nelle tre sale, gli esiti delle discussioni sono stati inviati in tempo reale a una Theme Team centrale, che li ha riassunti in una sintesi complessiva affidata poi nella sessione plenaria conclusiva alle considerazioni di Mauro Bonaretti, capo di gabinetto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. 

Grazie alla collaborazione con gli Ordini degli ingegneri e degli architetti di Torino e alla valenza formativa dell'evento, la partecipazione ha dato diritto al riconoscimento di crediti formativi professionali.